È compiuto/ It’s completed by Goliarda Sapienza

  È compiuto Goliarda Sapienza È compiuto. È concluso. È terminato. È consumato l’incendio. S’è fermato. S’è chiuso il cerchio pietrificato. Il tempo s’è fermato. È consumato il delitto. S’è bruciato il ricordo. L’ansia è cessata. Una coltre di lava ha mormorato ogni cranio ogni orbita svuotata. Ogni bocca nel grido ha sigillato. S’è chiuso…Read more È compiuto/ It’s completed by Goliarda Sapienza

Poets translating poets: Roberta De Piccoli & Ralph Waldo Emerson

  Music Ralph Waldo Emerson   Let me go where’er I will I hear a sky-born music still; It sounds from all things old, It sounds from all things young, From all that’s fair, from all that’s foul, Peals out a cheerful song. It is not only in the rose, It is not only in…Read more Poets translating poets: Roberta De Piccoli & Ralph Waldo Emerson

Sassate/ Stones by Giorgio Caproni

  Sassate   Giorgio Caproni . Ho provato a parlare. Forse, ignoro la lingua. Tutte frasi sbagliate. Le risposte: sassate. Stones   Giorgio Caproni . I have striven to speak. A tongue, maybe, unknown. Sentences all wrong. Answers: only stones. . Translation ©Matilda Colarossi This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International…Read more Sassate/ Stones by Giorgio Caproni

Life… is remembering a sad awakening by Sandro Penna

  La vita… è ricordarsi di un risveglio Sandro Penna La vita... è ricordarsi di un risveglio triste in un treno all'alba: aver veduto fuori la luce incerta: aver sentito nel corpo rotto la malinconia vergine e aspra dell’aria pungente. Ma ricordarsi la liberazione improvvisa è piú dolce: a me vicino un marinaio giovane: l’azzurro…Read more Life… is remembering a sad awakening by Sandro Penna

New Year’s Day Rhyme by Gianni Rodari

  Filastrocca di Capodanno Gianni Rodari  Filastrocca di Capodanno: fammi gli auguri per tutto l’anno: voglio un gennaio col sole d’aprile, un luglio fresco, un marzo gentile; voglio un giorno senza sera, voglio un mare senza bufera; voglio un pane sempre fresco, sul cipresso il fiore del pesco; che siano amici il gatto e il…Read more New Year’s Day Rhyme by Gianni Rodari

Poets translating poets: Patrizia Sardisco & Julia Leverone

  Correction ©Julia Leverone Weeks slipping under, winter, the sink of chill, a plain burning widening into space— the park made stubble, patches of stalks of tall once-flora. What were they, now fallen over themselves. How seemingly lonely. And so I saw the rush: the bright cardinal flee for life, to hide from my bike…Read more Poets translating poets: Patrizia Sardisco & Julia Leverone

A man in a ditch by Antonio Gramsci

“You must burn down the past, and build a whole new life: you mustn’t let your past life crush you…” #AntonioGramsci

parallel texts: words reflected

Lettere dal carcere

275.

Antonio Gramsci

27 giugno 1932

Carissima Iulca,

ho ricevuto i tuoi foglietti, datati da mesi e giorni diversi. Le tue lettere mi hanno fatto ricordare una novellina di uno scrittore francese poco noto, Lucien Jean, credo, che era un piccolo impiegato in una amministrazione municipale di Parigi. La novella si intitolava Un uomo in un fosso. Cerco di ricordarmela. – Un uomo aveva fortemente vissuto, una sera: forse aveva bevuto troppo, forse la vista continua di belle donne lo aveva un po’ allucinato. Uscito dal ritrovo, dopo aver camminato un po’ a zig-zag per la strada, cadde in un fosso. Era molto buio, il corpo gli si incastrò tra rupi e cespugli; era un po’ spaventato e non si mosse, per timore di precipitare ancora piú in fondo. I cespugli si ricomposero su di lui, i lumaconi gli strisciarono addosso inargentandolo (forse un rospo gli si…

View original post 1,182 more words