Ho sceso, dandoti il braccio…/I descended, with you on my arm… by Eugenio Montale

Died on this day…Eugenio Montale.

parallel texts: words reflected

Ho sceso, dandoti il braccio

Di Eugenio Montale

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,

erano le tue.

(da “Satura”, 1971)

I descended, with you on my arm…

By Eugenio Montale

I descended, with you on my arm, at least a million stairs

and now that you are not here every step is emptiness.

In any case our long journey was too…

View original post 102 more words

Piangi, piangi che…/ Go on, cry…by Edoardo Sanguineti

  Piangi, piangi che… Edoardo Sanguineti Piangi piangi, che ti compero una lunga spada blu di plastica, un frigorifero Bosch in miniatura, un salvadanaio di terracotta, un quaderno con tredici righe, un’azione della Montecatini: piangi piangi, che ti compero una piccola maschera antigas, un flacone di sciroppo ricostituente ,un robot, un catechismo con illustrazioni a…Read more Piangi, piangi che…/ Go on, cry…by Edoardo Sanguineti

Le osterie/ Taverns by Alda Merini

    Le osterie Alda Merini A me piacciono gli anfratti bui delle osterie dormienti dove la gente culmina nell’eccesso del canto, a me piacciono le cose bestemmiate e leggere, e i calici di vino profondi, dove la mente esulta, livello di magico pensiero. Troppo sciocco è piangere sopra un amore perduto malvissuto e scostante,…Read more Le osterie/ Taverns by Alda Merini

La primavera hitleriana/Hitlerian spring by Eugenio Montale

  La primavera hitleriana Eugenio Montale Folta la nuvola bianca delle falene impazzite turbina intorno agli scialbi fanali e sulle spallette, stende a terra una coltre su cui scricchia come su zucchero il piede; l'estate imminente sprigiona ora il gelo notturno che capiva nelle cave segrete della stagione morta, negli orti che da Maiano scavalcano…Read more La primavera hitleriana/Hitlerian spring by Eugenio Montale

Poets translating poets: Patrizia Sardisco & Julia Leverone

  On Mothering ©Julia Leverone Grown diverted to light on water, pine boughs hang like wings, their tufts soft-skirted meanwhile root cling and anti-gravity strain. Mother, when my father steadied me as I walked sliding stones, forging the hip-deep river— understand that fathering is a quieter endeavor. But earlier: were we not sisters, dressed in…Read more Poets translating poets: Patrizia Sardisco & Julia Leverone

Palma by Mario Luzi

  PALMA Mario Luzi Ombre mute appoggiate alle campagne - a ognuno il suo Viaggio – ove all’unisono nella voce dei rivi tra le canne intimamamente avvengono I crepiscoli. Presto ad Eco ferita cadrà il dardo pungente nella polvere. Già vinta, sicura di non essere che un tardo rimpianto della vita, allora, estinta la speranza,…Read more Palma by Mario Luzi

Silenzio/ Silence by Giuseppe Ungaretti

  SILENZIO GIUSEPPE UNGARETTI Conosco una città che ogni giorno s’empie di sole e tutto è rapito in quel momento Me ne sono andato una sera Nel cuore durava il limÌo delle cicale Dal bastimento verniciato di bianco ho visto la mia città sparire lasciando un poco un abbraccio di lumi nell’aria torbida sospesi SILENCE…Read more Silenzio/ Silence by Giuseppe Ungaretti