The sand and the angel by Margherita Guidacci

La sabbia e l’angelo Margherita Guidacci Furono ultime a staccarsi le voci. Non le voci tremende Della guerra e degli uragani, E nemmeno voci umane ed amate, Ma mormorii d’erbe e d’acque, risa di vento, frusciare Di fronde tra cui scoiattoli invisibili giocavano, Ronzio felice d’insetti attraverso molte estati Fino a quell’insetto che più insistente…Read more The sand and the angel by Margherita Guidacci

Nessuna parola/No word by Margherita Guidacci

  Nessuna parola   Di Margherita Guidacci   Poichè non mi veniva nessuna parola (la parola era "addio", ma non riuscivo a dirla) ti ho dato il mio silenzio ed ho ascoltato il tuo, e non è stato un vuoto, ma condivisa pienezza e ancora gioia, mentre accettavamo, come la terra, un nostro tempo di…Read more Nessuna parola/No word by Margherita Guidacci

On words…reflected/Bufalino, Vittorini, Buzzati, Guidacci, Svevo, De Luca

parallel texts: words reflected

On words…reflected On words…reflected
Si scrive per guarire sé stessi, per sfogarsi, per lavarsi il cuore. Si scrive per dialogare anche con un lettore sconosciuto. Ritengo che nessuno senza memoria possa scrivere un libro, che l’uomo sia nessuno senza memoria. Io credo di essere un collezionista di ricordi, un seduttore di spettri. La realtà e la finzione sono due facce intercambiabili della vita e della letteratura. Ogni sguardo dello scrittore diventa visione, e viceversa: ogni visione diventa uno sguardo. In sostanza è la vita che si trasforma in sogno e il sogno che si trasforma in vita, così come avviene per la memoria. La realtà è così sfuggente ed effimera… Non esiste l’attimo in sé, ma esiste l’attimo nel momento in cui è già passato. Piuttosto che vagheggiare un futuro vaporoso ed elusivo, preferisco curvarmi sui fantasmi di ieri senza che però mi impediscano di vivere l’oggi nella sua pienezza.

View original post 715 more words

In silenzio/Silently by Margherita Guidacci

In silenzio Di Margherita Guidacci Scrivo parole ogni giorno. Non so dove arriverò scrivendo. So che potrei tacere. Colui che sa, non parla. Muto nel ventre del tempo dove uomini gridano, anche. Lo sguardo basterà per comprendere e dire quanto la voce non dice. Sfioro ogni istante, ogni giorno l'urlo e il tuono. Vivo intorno.…Read more In silenzio/Silently by Margherita Guidacci

Lascia sia il vento/ Let the wind by Margherita Guidacci

Lascia sia il vento Di Margherita Guidacci Lascia sia il vento a completar le parole che la tua voce non sa articolare. Non ci occorrono più le parole. Siamo entrambi il medesimo silenzio. Come due specchi, svuotati d' ogni immagine, che l'uno all'altro rendono un semplice raggio. E ci basta. Let the wind By Margherita…Read more Lascia sia il vento/ Let the wind by Margherita Guidacci

Un avanzo di civiltà industriale/Remains of an industrial society by Margherita Guidacci

Un avanzo di civiltà industriale Di Margherita Guidacci L’acqua bassa vicina alla riva dove galleggiano legni marci uniti ad angoli strani da chiodi rugginosi e dove si rovesciano i rifiuti d’un astioso rigagnolo di fabbrica; l’acqua dove la schiuma gorgoglia in cerchi grigi o si allunga fra lisce cicatrici di luridi colori senza nome; dove…Read more Un avanzo di civiltà industriale/Remains of an industrial society by Margherita Guidacci