Commiato/ Leave-taking by Giuseppe Ungaretti

  Commiato Giuseppe Unagretti Gentile Ettore Serra poesia è il mondo l'umanità la propria vita fioriti dalla parola la limpida meraviglia di un delirante fermento Quando trovo in questo mio silenzio una parola scavata è nella mia vita come un abisso Leave-taking Giuseppe Ungaretti Dear Ettore Serra poetry is the world humanity one’s own life…Read more Commiato/ Leave-taking by Giuseppe Ungaretti

Ho sceso, dandoti il braccio…/I descended, with you on my arm… by Eugenio Montale

Died on this day…Eugenio Montale.

parallel texts: words reflected

Ho sceso, dandoti il braccio

Di Eugenio Montale

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,

erano le tue.

(da “Satura”, 1971)

I descended, with you on my arm…

By Eugenio Montale

I descended, with you on my arm, at least a million stairs

and now that you are not here every step is emptiness.

In any case our long journey was too…

View original post 102 more words

Le osterie/ Taverns by Alda Merini

    Le osterie Alda Merini A me piacciono gli anfratti bui delle osterie dormienti dove la gente culmina nell’eccesso del canto, a me piacciono le cose bestemmiate e leggere, e i calici di vino profondi, dove la mente esulta, livello di magico pensiero. Troppo sciocco è piangere sopra un amore perduto malvissuto e scostante,…Read more Le osterie/ Taverns by Alda Merini

Ed è subito sera/ And then it is night by Salvatore Quasimodo

My favourite, and perhaps the most difficult poem I have ever translated.

parallel texts: words reflected

Ed è subito sera

 

Salvatore Quasimodo

Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

And then it is night

 

Salvatore Quasimodo

We all stand alone on the heart of the earth
pierced by a ray of the sun’s light:
and then it is night.

Translation ©Matilda Colarossi

Originally this was the last verse of a poem by Salvatore Quasimodo called “Solitudini”. It was later cut down to these three, hermetic verses. The poem reflects the existential condition of man: solitude, the pain of living, the brevity of life itself. For years I kept myself from translating it: It is too densely populated with the ghosts of great translators past. The ognuno has been everyone for too many years, the sera/ evening for too long, and the subito/ suddenly for what seems forever. So, I stalled. But there is a time…

View original post 188 more words

Spesso il male di vivere ho incontrato/Often the burden of life I have met by Eugenio Montale

parallel texts: words reflected

Spesso il male di vivere ho incontrato

di Eugenio Montale

Spesso il male di vivere ho incontrato:

era il rivo strozzato che gorgolia,

era l’incartocciarsi della foglia

riarsa, era il cavallo stramazzato.

Bene non seppi, fuori del prodigio

che schiude la divina Indifferenza:

era la statua nella sonnolenza

del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.

Often the burden of life I have met

by Eugenio Montale

Often the burden of life I have met

it was the strangled rivulet that gurgles,

it was the crumpling of leaves

burnt, it was the horse spent.

No other way was there, if not the wonder

that bears divine Indifference:

it was the statue in the somnolent

afternoon, and the cloud, and the hawk’s ascent.

Translation by ©MatildaColarossi

The poem is from the collection Ossi di sepia, by Eugenio Montale (poet, writer, editor, translator, and recipient of the 1975 Nobel Prize…

View original post 98 more words

Zingari, un’estate/ Gypsies, one summer by Erri De Luca

          Zingari, un’estate   Erri De Luca   Dalle baracche del Zigeuner Camp vedevamo gli ebrei colonne incamminate diventare colonne verticali di fumo dritto al cielo, erano lievi andavano a gonfiare gli occhi e il naso del loro Dio affacciato.   Noi non fummo leggeri. La cenere dei corpi degli zingari…Read more Zingari, un’estate/ Gypsies, one summer by Erri De Luca

Gli italiani/Italians by Pier Paolo Pasolini

June 2018
#ACQUARIUS #ITALIANS #INDIFFERENCE

parallel texts: words reflected

Gli italiani

Pier Paolo Pasolini

.

L’intelligenza non avrà mai peso, mai

nel giudizio di questa pubblica opinione.

Neppure sul sangue dei lager, tu otterrai

da uno dei milioni d’anime della nostra nazione,

un giudizio netto, interamente indignato:

irreale è ogni idea, irreale ogni passione,

di questo popolo ormai dissociato

da secoli, la cui soave saggezza

gli serve a vivere, non l’ha mai liberato.

Mostrare la mia faccia, la mia magrezza –

alzare la mia sola puerile voce –

non ha più senso: la viltà avvezza

a vedere morire nel modo più atroce

gli altri, nella più strana indifferenza.

Io muoio, ed anche questo mi nuoce.

Italians

 Pier Paolo Pasolini

.

Intelligence will never be important, never

in the judgement of this public opinion.

Not even on the blood of the lagers, ever

will the millions of souls in our nation,

express a clear judgement, one wholly exasperated:

unreal is…

View original post 137 more words