Zingari, un’estate/ Gypsies, one summer by Erri De Luca

          Zingari, un’estate   Erri De Luca   Dalle baracche del Zigeuner Camp vedevamo gli ebrei colonne incamminate diventare colonne verticali di fumo dritto al cielo, erano lievi andavano a gonfiare gli occhi e il naso del loro Dio affacciato.   Noi non fummo leggeri. La cenere dei corpi degli zingari…Read more Zingari, un’estate/ Gypsies, one summer by Erri De Luca

Gli italiani/Italians by Pier Paolo Pasolini

June 2018
#ACQUARIUS #ITALIANS #INDIFFERENCE

parallel texts: words reflected

Gli italiani

Pier Paolo Pasolini

.

L’intelligenza non avrà mai peso, mai

nel giudizio di questa pubblica opinione.

Neppure sul sangue dei lager, tu otterrai

da uno dei milioni d’anime della nostra nazione,

un giudizio netto, interamente indignato:

irreale è ogni idea, irreale ogni passione,

di questo popolo ormai dissociato

da secoli, la cui soave saggezza

gli serve a vivere, non l’ha mai liberato.

Mostrare la mia faccia, la mia magrezza –

alzare la mia sola puerile voce –

non ha più senso: la viltà avvezza

a vedere morire nel modo più atroce

gli altri, nella più strana indifferenza.

Io muoio, ed anche questo mi nuoce.

Italians

 Pier Paolo Pasolini

.

Intelligence will never be important, never

in the judgement of this public opinion.

Not even on the blood of the lagers, ever

will the millions of souls in our nation,

express a clear judgement, one wholly exasperated:

unreal is…

View original post 137 more words

Excerpt from Conversazione in Sicilia by Elio Vittorini

  da Conversazioni in Sicilia Elio Vittorini Questo era il terribile: la quiete nella non speranza. Credere il genere umano perduto e non aver febbre di fare qualcosa in contrario, voglia di perdermi, ad esempio, con lui. Ero agitato da astratti furori, non nel sangue, ed ero quieto, non avevo voglia di nulla. Non mi…Read more Excerpt from Conversazione in Sicilia by Elio Vittorini

Variazioni Belliche/ Bellicose variations by Amelia Rosselli

  VARIAZIONI BELLICHE   AMELIA ROSSELLI   Se per il caso che mi guidava io facevo capriole: se per la perdita che continuava la sua girandola io sapevo: se per l’agonia che mi prendeva io perdevo: se per l’incanto che non seguivo io non cadevo: se nelle stelle dell’universo io cascavo a terra con un…Read more Variazioni Belliche/ Bellicose variations by Amelia Rosselli

A man in a ditch by Antonio Gramsci

“You must burn down the past, and build a whole new life: you mustn’t let your past life crush you…” #AntonioGramsci

parallel texts: words reflected

Lettere dal carcere

275.

Antonio Gramsci

27 giugno 1932

Carissima Iulca,

ho ricevuto i tuoi foglietti, datati da mesi e giorni diversi. Le tue lettere mi hanno fatto ricordare una novellina di uno scrittore francese poco noto, Lucien Jean, credo, che era un piccolo impiegato in una amministrazione municipale di Parigi. La novella si intitolava Un uomo in un fosso. Cerco di ricordarmela. – Un uomo aveva fortemente vissuto, una sera: forse aveva bevuto troppo, forse la vista continua di belle donne lo aveva un po’ allucinato. Uscito dal ritrovo, dopo aver camminato un po’ a zig-zag per la strada, cadde in un fosso. Era molto buio, il corpo gli si incastrò tra rupi e cespugli; era un po’ spaventato e non si mosse, per timore di precipitare ancora piú in fondo. I cespugli si ricomposero su di lui, i lumaconi gli strisciarono addosso inargentandolo (forse un rospo gli si…

View original post 1,182 more words

Del tradurre e altri scritti/Translation and other works by Manara Valmigli

Three years ago, I wandered into a foreign territory. Anything but computer savvy, I decided to create a blog. I watched tutorials – don’t we all? – played around with pictures and buttons, and made something I wanted very much, and that wasn’t there before (at least to my knowledge), a blog about translation that was totally in parallel. I didn’t think about the risk of putting two texts side by side (one surely beautiful the other…who knows?), I just moved forward in my ignorance, and, well yes, bliss.
That was a total of 402 posts ago; 34, 435 views ago; and 18,299 viewers ago from 125 different countries.
There was never a minute when I thought, “Oh, enough!”
I hope there never is: There are still so many Italian poets and writers I love, and haven’t translated yet. – M.C.

 

parallel texts: words reflected

Del tradurre e altri scritti

di Manara Valgimigli 

Anche tradurre è, come far musica e poesia, come dipingere un quadro e scolpire una statua, sforzo e anelito di conquistare  e di possedere la propria realtà.

On translation and other works

by Manara Valgimigli 

Translation, too, is – like making music or poetry, like painting a picture or sculpting a statue – the effort and yearning to conquer and possess one’s own reality.

Translation by ©Matilda Colarossi

Manara Valgimigli, from Del tradurre e altri scritti, 1957 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

View original post

Noemi Ghetti

"Among the pages of Quaderni: Prison notebooks, the “Dante notes” on the Canto of the Heretics (Q 4, 78-88) give us access to the human, intellectual and political life of Antonio Gramsci. In his outline of Quaderni on February 8, 1929, while Mussolini was ratifying the Lateran Treaty, concordat regulating relations between State and Church, the essay…Read more Noemi Ghetti