Vanità/Vanity by Giuseppe Ungaretti

    Vanità Giuseppe Ungaretti D’improvviso è alto sulle macerie il limpido stupore dell’immensità E l’uomo curvato sull’acqua sorpresa dal sole si rinviene un’ombra Cullata e piano franta Vanity Giuseppe Ungaretti All of a sudden high on the ruins is the limpid wonder of the immensity. And man bent over the water surprised by the…Read more Vanità/Vanity by Giuseppe Ungaretti

C’era una volta/Once upon a time by Giuseppe Ungaretti

  C’era una volta Giuseppe Ungaretti   Bosco Cappuccio ha un declivio di velluto verde come una dolce poltrona. Appisolarmi là solo in un caffè remoto con una luce fievole come questa di questa luna.   Quota Centoquarant’uno l’I agosto 1916   Once upon a time Giuseppe Ungaretti . Bosco Cappuccio has a slope of…Read more C’era una volta/Once upon a time by Giuseppe Ungaretti

Forse un mattino…/One morning perhaps as I move in an air of glass by Eugenio Montale

  Forse un mattino andando in un'aria di vetro Eugenio Montale . Forse un mattino andando in un'aria di vetro, arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo: il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro di me, con un terrore di ubriaco. Poi come s'uno schermo, s'accamperanno di gitto alberi case colli per l'inganno consueto. Ma…Read more Forse un mattino…/One morning perhaps as I move in an air of glass by Eugenio Montale

In dormiveglia/As I doze by Giuseppe Ungaretti

  In dormiveglia Giuseppe Ungaretti     Assisto la notte violentata   L’aria è crivellata come una trina dalle schioppettate degli uomini ritratti nelle trincee come le lumache nel loro guscio   Mi pare che un affannato nugolo di scalpellini batta il lastricato di pietra di lava delle mie strade ed io l’ascolti non vedendo…Read more In dormiveglia/As I doze by Giuseppe Ungaretti

Meriggiare pallido e assorto/Noonday slumber pallid and rapt by Eugenio Montale

  Meriggiare pallido e assorto   Eugenio Montale   Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi.   Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano a sommo di…Read more Meriggiare pallido e assorto/Noonday slumber pallid and rapt by Eugenio Montale

Ogni uomo è stato un bambino/Every man was once a child by Alfonso Gatto

    Ogni uomo è stato un bambino Alfonso Gatto Ogni uomo è stato un bambino pensate - un bel bambino. Ora ha i  baffi, la barba, il naso rosso, si sgarba per nulla... Ed era grazioso ridente arioso come una nube nel cielo turchino. Ogni uomo è stato un monello pensate - un libero…Read more Ogni uomo è stato un bambino/Every man was once a child by Alfonso Gatto

Prima luce/First light by Giorgio Caproni

    PRIMA LUCE   Giorgio Caproni,     Lattiginosa d’alba nasce sulle colline, balbettanti parole ancora infantili, la prima luce.   La terra, con la sua faccia madida di sudore, apre assonnati occhi d’acqua alla notte che sbianca.   (Gli uccelli sono sempre i primi pensieri del mondo).   FIRST LIGHT   Giorgio Caproni…Read more Prima luce/First light by Giorgio Caproni